coaching

Cerca Nel Sito

Resta Connesso

Scarica gratis l’e-book!

 
Iscriviti alla newsletter e scarica gratis l'e-book Realizza i Tuoi Obiettivi Adesso
 
Inserisci la tua mail e iscriviti alla newsletter. Potrai scaricare gratis l'e-book di crescita personale di oltre 100 pagine dal titolo "Realizza i Tuoi Obiettivi Adesso".
 
Iscriviti alla newsletter e scarica gratis l'e-book Realizza i Tuoi Obiettivi Adesso
 
Nome:  

E-mail:

Privacy:

 
LifeLabCoaching.com rispetta la tua privacy. I tuoi dati non verranno in alcun modo ceduti o comunicati a terzi e verranno trattati in conformità al D.Lgs. 196/2003. Per altre informazioni visita la privacy policy.

In Evidenza

Categorie

Tag



I contenuti di questo blog, dove non diversamente specificato, sono sotto Licenza Creative Commons.
 
Creative Commons License
Blog
line

Disattiva quelle notifiche del cavolo

4 giu
2015

Tempo stimato di lettura: 3 min.

produttività senza cadere nel multitasking

La notifica mattutina

La mattina di solito, inizia con una sveglia. Così il tuo telefonino inizia a vibrare mentre una musichetta, a volte irritante, ti richiama dal mondo dei sogni, magari mentre bramavi un momento di amorosi sensi con l’attrice o l’attore di turno, per ritornare alla vita di ogni giorno.

Non è detto che ti svegli con la prima suoneria, così magari scendi dal letto al quarto / quinto tentativo. Probabilmente con quella confusione si sono svegliati pure i vicini di tuo zio che vive in Australia tranne te, ma chissene.

Non sarà il modo più ortodosso, ma sei sceso dal letto. Sei sveglio, pronto ad affrontare una nuova giornata all’insegna della Produttività.

Ma… sei sveglio davvero?

Sì perché questa è solo la prima di una lunga serie di suonerie fastidiose che verranno emesse dal tuo telefonino nell’arco della giornata. Suoni ai quali forse ti sei abituato, per cui non ci fai caso… di certo molto meno chi ti circonda.

Decisioni (in)consapevoli

Interruzioni, deconcentrazione, perdite di tempo, multitasking e tanta, tanta pazienza da parte di chi ti sta intorno. Produttività nel cestino. Questo e molto altro per colpa di una banalità: le notifiche.

Dall’avviso di Facebook al messaggio vocale su Whatsapp, dal vecchio sms a Twitter, sono tante le applicazioni che ci inviano delle notifiche. O meglio, molto probabilmente ci sono persone, esseri umani, che ti inviano dei messaggi, alle quali TU permetti deliberatamente di farteli recapitare in tempo reale. Se hai poco da fare, magari sei in metro oppure in una sala d’attesa, poco male… a meno che non hai lasciato la suonerai attaccata, perché rischi seriamente le bastonate.

Queste notifiche però, ad esempio interrompono il tuo flusso di lavoro. Stai lavorando a un progetto. Suona il telefono. Decidi di essere interrotto. Leggi, rispondi e nel frattempo hai perso il filo di ciò che stavi facendo. Venti minuti per riprenderti… fino alla prossima interruzione. Addio Produttività!

Attenzione, ho detto “decidi di essere interrotto”. Non è un errore. È troppo facile dire “vieni interrotto”: sei tu che decidi, deliberatamente, di venire interrotto prendendo quel telefono in mano, magari “solo per sapere chi è e cosa vuole”.

“È troppo facile dire che vieni interrotto, sei tu che decidi di venire interrotto”
> Twitta questa citazione

disattiva quelle notifiche del cavolo

Le notifiche subdole

Ci sono interruzioni più subdole: le notifiche delle email ad esempio. “Quello è lavoro” dice qualcuno. Già. Ma dovresti decidere tu le tue priorità, cosa fare prima e cosa fare dopo. Per ogni interruzione di una notifica per una nuova email, ti ritrovi punto e a capo: perdi la concentrazione e magari l’idea del secolo vola via per sempre. Tutto questo, magari per una email con un video virale su un boscaiolo canadese ubriaco che distrugge la sua casa mentre taglia un abete millenario, oppure per una email di lavoro a cui darai solo una occhiata per poi, comunque, rileggerla e processarla dopo (ottima scelta produttiva).

Ce ne sono altre di interruzioni che sottostimiamo, interruzioni che i guru della gestione del tempo non considerano ma che per me, che mi occupo di Produttività, sono importanti quanto quelle che ci sono in ufficio: sono le notifiche che arrivano fuori dal posto di lavoro, quando sei in famiglia, con i tuoi amici o con i tuoi cari.

Famiglie che durante l’ora di cena non si parlano, gruppi di amici che al ristorante guardano più i telefonini che i commensali, persone che messaggiano al cinema durante un film da Oscar, mamme (e anche qualche papà) attaccati al telefonino ai giardinetti, mentre magari c’è loro figlio felice perché ha imparato a fare quel nuovo gioco e vorrebbe sentirsi dire in quel momento “bravo, sono fiero di te”.

Il mondo ci passa davanti, ma non vediamo oltre la schermata del nostro smartphone.

Stacca quelle notifiche del cavolo

1. Lascia solo le notifiche davvero importanti sul tuo smartphone. Limita quelle sonore, lasciando qualcuna visiva in più. Nei momenti importanti, lascia il telefonino in un altra stanza o in borsa. Non sei un agente della CIA né lavori per la NASA. Il mondo sopravvivrà mezz’ora senza di te.

“Stacca quelle notifiche: non lavori per la NASA, il mondo sopravvivrà 30 min senza te”
> Twitta questa citazione

2. Stacca la suoneria quando non vuoi essere disturbato e per non disturbare gli altri. E tieni il telefono in una superficie morbida o in tasca se lasci la vibrazione attivata: quelli che lasciano il telefonino vibrare sul tavolo all’infinito ‘sono i peggiori’.

3. Togli le notifiche automatiche delle email. Decidi tu quando e come leggerle. Devi essere tu a controllare le email, non le email a controllare te.

“Devi essere tu a controllare le email, non le email a controllare te”
> Twitta questa citazione

4. Smetti di vivere con i paraocchi digitali: guarda negli occhi la tua compagna, guarda tuo figlio mentre ride e ridi con lui, divertiti insieme ai tuoi amici. Guardati intorno, vedi il mondo: c’è vita là fuori.

Stacca quelle notifiche del cavolo.

Dico davvero.

Perché Il Tuo Tempo è Adesso!

Photo credit 1
Photo credit 2

Chi Sono
Leonardo Leiva Bio
Sono Leonardo Leiva, Coach, Esperto in Produttività e Trainer di PNL (Programmazione Neurolinguistica). Dopo varie esperienze in campo aziendale, ho avviato il progetto Life Lab Coaching. Mi occupo principalmente di Produttività, cioè dei modi che aziende e individui hanno per fare di più utilizzando meno tempo e risorse, trattando argomenti quali la gestione di email, progetti, riunioni, team, agenda, il processo di delega, e più in generale i modi di affrontare le attività di ogni giorno in modo efficiente ed equilibrato. Sono anche formatore per aziende e organizzazioni, oltreché nel campo della Produttività, su temi quali Leadership e Comunicazione Efficace. Come Coach metto a disposizione i miei talenti a servizio di chi vuole mettere ordine nella propria Vita facendo spazio a ciò che è più importante. Se hai un Obiettivo da raggiungere, oppure vuoi fare crescere la tua organizzazione, contattami via e-mail, Facebook o Twitter e sarò felice di aiutarti.

Possono interessarti anche questi articoli?

  • Produttività: 7 modi per far perdere tempo alla gente Il tempo è una risorsa preziosa, di cui tutti usufruiamo, sia che si lavori in produttività o meno. Vogliamo difenderlo con tutte le nostre forse, ma a volte potresti essere proprio tu a fare p...
  • Produttività, email e i cani di Pavlov In ufficio come a casa, uno degli strumenti più usati da un punto di vista della comunicazione via computer sono le email. Quasi sempre è la prima cosa ad essere controllata in ufficio, come sp...
  • Multitasking: la più grossa bugia dei nostri tempi Si parla spesso di multitasking. C'è chi è dispiaciuto di non esserlo, chi si vanta di esserlo, si dice che le donne lo siano e gli uomini no (anche se ora si dice il contrario), che sia una ca...

Nessun Commento ancora pubblicato
Commenta


I commenti sono moderati. Sii gentile, resta in argomento e niente spam. Per maggiori dettagli leggi il disclaimer. Vuoi un avatar personalizzato? Usa Gravatar.


Torna Indietro